Rassegna stampa - SITO ELISABETTA GARILLI

Vai ai contenuti

Menu principale:

Rassegna stampa

Intervista radiofonica di Elisabetta Garilli nell'ambito del programma "Genitori 3.0" dedicato al convegno nazionale "Nati per leggere", effettuata il 18 ottobre 2014.

Il conduttore Gabriele Pugliese, assieme a, Monica Castagnetti (consulente psicoeducativa) e Cinzia Ardenghi (blogger), accompagnati dall'autrice Elisabetta Garilli spaziano alla scoperta dei contenuti didattici/musicali  del libro "Ninne nanne nanne nì".

Ritorna Alessandro Sanna a Verona dopo il successo di Fiume lento. L'illustratore assieme ad Elisabetta Garilli è in scena oggi alle 16, al Teatro Ristori con Due Alberi. L'occasione è ancora una volta la rassegna «Agorà – Le famiglie e la città incontrano la musica».
Due Alberi prende avvio dall'omonimo libro edito da Fondazione San Zeno. È un racconto, ma soprattutto un'avventura, una breve storia sul percorso comune di tutti gli esseri viventi: vie e viandanti sono insieme i protagonisti di un viaggio fantastico che conduce a nuove scoperte
Due alberi compiono un lungo viaggio trascinando con loro tutta la comunità degli animali. «Attraversando terre e paesaggi a volte amici, a volte severi, gli alberi si sradicano pur di incontrare il nuovo, pur di portare beneficio a se stessi e agli altri, pur di mettersi in viaggio e scoprire che, in realtà, la vita stessa è il viaggio». Come sempre nei testi dell'illustratore mantovano, parole e illustrazioni si intrecciano per aprire a nuovi sensi e interpretazioni.
Un gioco armonico di rimandi, che introduce scenari evocativi e orizzonti di senso mai dati una volta e per sempre, ma da scoprire e interrogare insieme, suscitando tempi e spazi di costruzione. Magari con la musica, come già era avvenuto per Fiume lento.
Questa volta le tavole illustrate di Alessandro Sanna saranno accompagnati dalle musiche originali di Elisabetta Garilli, interpretate da Garilli Sound Project. Le azioni sceniche sono di Giulia Carli e l’allestimento di Serena Abagnato.
Simone Azzoni

05.04.2016

Domenica 10 aprile alle 17.30 al teatro Ristori si terrà lo spettacolo Leo Lionni. Corti in musica, ultimo appuntamento della rassegna «Agorà. Le famiglie e la città incontrano la musica», organizzata dall’assessorato alla Famiglia del Comune in collaborazione con Fondazione Cariverona e curata da Elisabetta Garilli e dall’associazione culturale La Foglia e il Vento.
Lo spettacolo presenterà cinque brevi capolavori d’animazione di Leo Lionni diretti da Giulio Gianini (Federico, Un pesce è un pesce, Cornelio, E’ mio! e Guizzino) proposti con l’accompagnamento di brani musicali composti dalla musicista Elisabetta Garilli e interpretati dall’ensemble Garilli Sound Project (Giuseppe Falco oboe, Adolfo Donolato clarinetto, Alvise Stiffoni violoncello, Costantino Borsetto percussioni).
La musica dal vivo e la narrazione di Enrica Compri consentiranno di assistere ad una proiezione cinematografica con le modalità tipiche del cinema degli albori, che saprà coinvolgere grandi e piccini nell’incontro con il magico mondo degli animali umanizzati di Leo Lionni.
«L’evento conclude una rassegna che ha incontrato il gradimento e l’interesse del pubblico e che ha registrato il tutto esaurito in quasi tutte le serate di spettacolo», ha detto l’assessore alla Famiglia Anna Leso. «Si tratta di iniziative per le famiglie e i più piccoli, con una particolare attenzione alla valorizzazione delle risorse naturali e alla sostenibilità ambientale».
Lionni ha lasciato un’impronta profonda nella grafica contemporanea, il che spiega il fascino che i suoi libri hanno anche sugli adulti e la sua creatività lo avvicina ad artisti innovatori come Bruno Munari.
Costo del biglietto: 5 euro. Ingresso gratuito per bambini fino a 3 anni. Prevendita: Box Office, via Pallone 16.
25.05.2016

Studenti protagonisti sul palcoscenico. Martedì 31 maggio e mercoledì 1 giugno alle 19 torna in scena al Teatro Filarmonico lo spettacolo conclusivo del progetto Opera Aperta rivolto agli alunni delle scuole primarie di Verona.
Opera Aperta è il progetto di Educazione musicale di Fondazione Arena iniziato nel 2013 in occasione del Festival del Centenario dell’Arena di Verona con Aida e giunto, grazie allo straordinario successo di pubblico ottenuto fin dalla prima eduzione, al quarto anno di attività, con l’intento di incoraggiare il più alto numero di studenti delle scuole primarie a conoscere, scoprire ed amare il mondo dell’opera.
Al progetto originario di Aida, mantenuto nella programmazione didattica di numerosi luoghi della provincia veronese, si è affiancata per l’anno scolastico 2015-2016, come spettacolo scolastico aperto alla città, la messa in scena al Teatro Filarmonico di un nuovo titolo d’Opera: Il Barbiere di Siviglia.
I ragazzi hanno studiato l’opera insieme ai docenti e ai maestri di musica del team didattico Disegnare Musica – Musica d’Insieme per Crescere. Durante questo avvincente percorso ogni classe ha incontrato la trama, la musica e la scena dell’Opera, contestualizzando questi elementi con le diverse materie scolastiche integrate a supporto della comprensione del «mondo d’opera».
Anche per l’edizione 2016 la musicista Elisabetta Garilli si conferma alla direzione dei 400 alunni di 20 classi e di età compresa tra gli 8 e gli 11 anni.
Martedì 31 maggio e mercoledì 1 giugno alle 11 al Filarmonico si tiene la prova generale de Il Barbiere di Siviglia aperta ai compagni delle scuole, mentre genitori, parenti, amici e quanti vorranno assistere alla rappresentazione sono invitati a teatro allo spettacolo delle 19.
Il Progetto di educazione musicale della Fondazione Arena rientra nella proposta formativa di Arena Young 2015-2016, ed è realizzato dai Maestri di Musica del Team di Disegnare Musica – Musica d’Insieme per Crescere.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu