Elisabetta Garilli - SITO ELISABETTA GARILLI

Vai ai contenuti

Menu principale:

Elisabetta Garilli

 

Elisabetta Garilli
Elisabetta Garilli Pianista e compositrice, nata ad Ostiglia nel 1972. Studia pianoforte sotto la guida del Maestro Roque Zappulla e si diploma al Conservatorio N. Paganini di Genova, studia pianoforte e composizione jazz con G. Gaslini, voce e tecniche di improvvisazione strumentale e vocale con B. Stoloff e A. Bakja con la quale fonda, nel 1997, Phainomenon – Workshop on Creativity. È  stata docente all’interno degli Stages Internazionali Spazio Musica a Orvieto. Ha suonato con jazzisti internazionali quali M. Waldron, L. Agudo, F. D’Auria, e R. Sellani che ne ha presentato pubblicamente la qualità del pianismo.  Nel 1999 viene ammessa a Roma dal Maestro Dominique De Fazio nel Programma per Artisti Professionisti.  Esperta di didattica musicale applicativa, da diciotto anni dedica la propria ricerca alla valorizzazione del ruolo della musica nei processi di apprendimento. Nel 1999 ha ideato il Progetto innovativo di didattica musicale Disegnare Musica, denominato poi Musica d’insieme per crescere, giunto al diciassettesimo anno di attuazione, con il quale porta l’educazione musicale nelle scuole dell’infanzia e primarie, coinvolgendo circa 10.000 alunni in Verona e Provincia. Nel 2007 e 2008 ha ideato e condotto il progetto Musica per suoni spontanei, con il sostegno del Progetto nazionale Nati per la Musica e dell’Associazione Culturale Pediatri. Dal 2011, durante la Stagione concertistica, cura per l’Orchestra di Padova e del Veneto la rassegna OPV Families & Kids coinvolgendo illustratori, attori e artisti, in affiancamento all’orchestra, in incontri specifici rivolti alle famiglie. Per Fondazione Arena di Verona, crea e sviluppa il Progetto di Educazione Musicale Opera Aperta Aida incluso nel Festival del Centenario 1913-2013 e giunto al quarto anno di attuazione.  Dal 2014 sviluppa la didattica e gli eventi per famiglie presso Arena Museo Opera di Palazzo Forti, coordinando l’équipe laFogliaeilVento; il progetto, volto alla divulgazione della cultura lirica, ha veicolato in questi due anni la sperimentazione diretta del linguaggio operistico ad oltre 7.000 fra bambini e ragazzi dai 4 ai 18 anni d’età e alle famiglie. Nel 2015 e 2016 è chiamata a sviluppare, per il Festival della cultura creativa ABI, progetti finalizzati a muovere e sensibilizzare i bambini alla scoperta di linguaggi artistici non convenzionali; crea con questo obiettivo i percorsi laboratoriali I Giardini Segreti degli Alfabeti e Gira l’Opera gira. Gli interventi erano promossi da Unicredit. Dal 2013, in qualità di compositrice e musicista, cura la rassegna Agorà - Le famiglie e la città incontrano la musica, per l’Assessorato alla Famiglia del Comune di Verona, inserita nel cartellone del Teatro Ristori di Verona. La rassegna, ha messo in scena quindici titoli da lei ideati, musicati, diretti e interpretati in collaborazione con molteplici artisti. Conduce da anni il laboratorio sperimentale di ascolto musicale e apprendimento ritmicocorporeo Musica Indossata, cui partecipano musicisti professionisti, ballerini, attori, in percorsi di ricerca sul sentire la musica nel e con il corpo. È direttore del Disegnare Musica Ensemble e autrice di spettacoli musicali, di colonne sonore per cortometraggi, del racconto musicato Jaipur e la Macchina Avvisavento, illustrato da GekTessaro (Kite Edizioni, 2011) e del libro musicato Ninne Nanne nanne ni, illustrato da Bimba Landmann e Serena Abagnato (Carthusia, 2014). Nel 2013 fonda il Garilli Sound Project, insieme cameristico moderno che sviluppa progetti di sperimentazione di nuovi linguaggi musicali, si esibisce in contesti nei quali la sensibilità, l’ascolto e la relazione abbiano particolare importanza e attiva relazioni di cooperazione internazionale, in percorsi volti al riconoscimento dei Diritti Umani. Con questa ultima finalità, avvia il progetto Diritto a Rinascere che prevede la sensibilizzazione riguardo alle tematiche dell’immigrazione attraverso la suite omonima, da lei composta e interpretata insieme al Garilli Sound Project.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu