Didattica all'Opera - SITO ELISABETTA GARILLI

Vai ai contenuti

Menu principale:

Didattica all'Opera

Museo dell'Opera AMO

Didattica all’Opera

Percorsi di didattica sull’Opera Lirica
presso AMO Arena Museo Opera
, Palazzo Forti, Verona


Didattica all’Opera, inaugurata nella stagione 2014-2015 è stato un progetto di Elisabetta Garilli nato dalla volontà di Fondazione Arena di proporre un’idea di didattica museale differente, che unisse al taglio divulgativo il coinvolgimento diretto di bambini e ragazzi in attività laboratoriali, nell’ottica di sensibilizzare chi non ha mai incontrato l’Opera, attraverso un percorso che va dall’idea al suo sviluppo fino alla vera e propria messa in scena. Un progetto che trovava in Arena Museo Opera lo spazio ideale per imparare creando e conoscere da vicino il mondo dell’Opera e tutte le sue sfaccettature.
I percorsi didattici sono stati ideati e sviluppati da Elisabetta Garilli che coordina e forma un’équipe di operatori di provata esperienza nella didattica museale (Equipe didattica AMO – laFogliaeilVento) e con competenze di varia natura (canto, illustrazione, scenografia, danza).
I titoli dei percorsi attivati: L’Opera sottosopra (rivolta alle Scuole dell’Infanzia), Operabecedario (Scuole Primarie), Un’idea chiamata Opera (Scuole Secondarie di 1° e 2° grado).
Ai gruppi e le scolaresche che aderivano all’offerta didattica veniva offerta un’esperienza completa a contatto con il mondo della lirica: una visita interattiva al Museo di Palazzo Forti e concrete applicazioni laboratoriali durante le quali i bambini e i ragazzi venivano guidati nell’ideazione e realizzazione di scenografie e costumi e nell’allestimento di scene tratte da alcune Opere, eseguendo movimenti scenici, canti accompagnati dalla musica eseguita dal vivo da parte di un maestro collaboratore e applicando alcune piccole scelte registiche, coreografiche e scenografiche.
Le Opere liriche indagate durante i percorsi didattici sono: Aida di G. Verdi, Turandot di G. Puccini, Il Barbiere di Siviglia e Cenerentola di G. Rossini, Il Flauto Magico di W. A. Mozart, La Sonnambula di V. Bellini.



Dal 2015 è possibile prenotare un intervento a scuola dell’Equipe didattica AMO – laFogliaeilVento con il percorso L’Opera illustrata… a scuola. La rappresentazione, della durata di circa un’ora, utilizza il racconto della vita di una soprano come pretesto per introdurre tutti i contenuti alla base dei percorsi didattici di Didattica all’Opera. Lo spettacolo si avvale di molteplici linguaggi: dalla recitazione alla musica dal vivo, all’illustrazione in tempo reale, alla danza.

A conclusione delle stagioni sono stati pubblicati i Quaderni Didattici che raccolgono quanto sviluppato ed emerso dai percorsi dedicati agli studenti, in un vero e proprio manuale per la messa in scena di un’Opera a scuola. I titoli dei due quaderni ideati finora: 2015 - L’Opera: chi la crea, chi la fa, chi la canta, chi la suona, 2016 – Un due tre, Papageno tocca a te!



Parallelamente alle attività di didattica, rivolte a scolaresche di ogni ordine e grado e a gruppi, è stata allestita una rassegna di eventi divulgativi rivolti alle famiglie: gli appuntamenti di Famiglie all’Opera si propongono come momento di dialogo e di crescita culturale per tutti, bambini di ogni età e adulti.
Fra i titoli allestiti troviamo:
Il Mistero di Radamès;
Lo Schiaccianoci;
L’Opera illustrata – Chi la crea, chi la fa, chi la canta, chi la suona…;
L’Attesa - Musica Sacra per l’Avvento;
A Siviglia c’è un barbiere…;
Un due tre, Papageno tocca a te!;
Cenerentola;
Il Carnevale degli animali;
Passi d’Opera;
TramiAMO - la Sonnambula;
Hansel e Gretel;
TramiAMO – La Gazza Ladra.

Per la partnership e per il sostegno all’iniziativa si ringrazia UniCredit, che ha sostenuto "Didattica all’Opera" con la convinzione che fosse di fondamentale importanza costruire percorsi di conoscenza per le nuove generazioni, per avvicinarle al mondo della cultura e della musica, in particolare in un territorio come quello veronese la cui tradizione musicale e operistica è profondamente radicata nella comunità.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu